Brevetti

iPay®

ipaySviluppato da Paybay, la digital company di QUI! Group, iPay® integra un sistema per la prenotazione e/o l’acquisto di beni e/o servizi, mettendo in relazione il consumatore e il merchant (dotati di dispositivi collegati alla piattaforma di gestione, il cui accesso richiede l’inserimento di codici identificativi di pagamento all’interno della unità di memorizzazione della piattaforma stessa). iPay® permette di riunire in un portafoglio digitale tutti i sistemi di pagamento, garantendo servizi accessibili ovunque in mobilità e in piena sicurezza nella fase transazionale.

Tale configurazione risulta particolarmente vantaggiosa in quanto i dati sensibili, come i dati identificativi della carta di credito, non vengono mai visualizzati: il cliente pagante si registra inserendo la modalità secondo la quale preferisce pagare e la transazione avviene a livello di un server protetto della piattaforma di gestione, secondo gli standard di sicurezza internazionali.

iPay® associa alle azioni di pagamento la possibilità di creare un archivio storico delle transazioni effettuate, sia per il cliente che per l’esercente. iPay® fornisce report per consultare/ricercare/analizzare rispettivamente acquisti e prodotti, spese e guadagni.

iPay® abilita inoltre la smaterializzazione di buoni acquisto e buoni sconto cartacei e la relativa rendicontazione a sistema, per la ricezione del rimborso relativo al prodotto/servizio offerto.

 

“Buono acquisto cartaceo smaterializzabile e del relativo metodo per il controllo della validità dello stesso”®

smatIl “buono acquisto cartaceo smaterializzabile e del relativo metodo per il controllo della validità dello stesso”® (voucher aziendale, buono pasto e altri titoli con valore nominale in denaro) è dotato di codice univoco (del tipo codice a barre o simili), che identifica e certifica la validità del buono in tempo reale.

Il codice è ricoperto da uno strato di materiale asportabile che permette all’esercente, una volta ricevuto il buono, di validarlo in tempo reale e fatturarlo contestualmente, inquadrando il codice con il lettore ottico o direttamente col proprio smartphone, tramite l’app Passpartù o tramite totem Ticketmat.

Ciò attribuisce un notevole risparmio ai negozianti e permette di scongiurare il pericolo dei buoni falsi e non verificati.

QUI! Group ha lanciato il progetto Passpartù nel 2013, con l’obiettivo di rendere la rete di esercizi food e non food affiliati (oltre 150 mila) una rete completamente digitalizzata, dotata cioè di strumenti di accettazione elettronica (POS, mobile app e sistemi di casse integrate), sullo standard proprietario Passpartù.

Il progetto di digitalizzazione degli esercizi nasce dallo sviluppo di iPay®, l’applicazione mobile (oggi evoluta in Passpartù App) dedicata alla smaterializzazione dei titoli di servizio emessi dal gruppo: buoni pasto, buoni acquisto, voucher benefit aziendali e altri titoli.